AM, AMIANTO: PRIMO INCONTRO SULLA GESTIONE IN SICUREZZA

Sono stati oltre cinquanta i militari, provenienti dai Reparti di tutta Italia, intervenuti a Viterbo per il workshop organizzato dall’Ufficio Generale di Coordinamento della Prevenzione Antinfortunistica e della Tutela Ambientale – UCOPRATA.

Il Comandante della Scuola, Col. Leonardo Moroni, ha accolto il team di UCOPRATA guidato dal Generale Giancarlo Lolli e tutti gli altri relatori, esperti nel settore, che hanno accettato l’invito a fornire il proprio contributo, mettendo in comune le esperienze professionali maturate.

Tutti gli intervenuti sono attivamente coinvolti presso i propri Enti di appartenenza, in quel virtuoso circuito di ricerca, controlli, verifiche e monitoraggi dell’amianto residuale, che è previsto dalle normative nonché dalle Linee Guida sviluppate in Aeronautica proprio dall’UCOPRATA.

“Approfondimenti su quanto già attuato da anni e su ciò che si sta ancora facendo, l’illustrazione delle corrette procedure di gestione e di monitoraggio delle infrastrutture, con attenzione alle possibilità di indagine offerte dai laboratori dell’AM, sono stati tra gli argomenti che hanno maggiormente interessato gli intervenuti nel capoluogo della Tuscia. Particolarmente incisivo il contributo fornito dai rappresentanti dell’Ufficio Generale di Coordinamento della Vigilanza Antifortunistica, dedicato agli obblighi amministrativi ed alle modalità di attuazione dei piani di monitoraggio previsti per legge – si legge nella nota diffusa dall’Aeronautica Militare Italiana -. Casi pratici e dettagli tecnici hanno arricchito la trattazione degli aspetti collegati alle buone prassi da attuare per tutelare la salute del personale. Ampi gli spazi riservati per il confronto tra uditorio ed i relatori delle due sessioni in cui è stato ripartito il seminario. Le finalità divulgative dell’evento hanno fatto prediligere la Scuola Marescialli A.M./Comando Aeroporto quale location ottimale per lo svolgimento dei lavori del seminario”.