DIFESA: L’ECCELLENZA ITALIANA AL KUWAIT AVIATION SHOW 2020

“La Difesa è un importante strumento di politica estera e l’Aeronautica Militare, apprezzata in tutto il mondo, è sinonimo di affidabilità, know how e tecnologia. La sua presenza in Kuwait ha contribuito a rafforzare l’immagine dell’Italia nello scenario internazionale, soprattutto in questa area geografica di grande interesse, dove l’Italia intrattiene importanti rapporti in termini di cooperazione militare e industriale”. Con queste parole il Sottosegretario di Stato alla Difesa Angelo Tofalo è intervenuto alla II edizione del Kuwait Aviation Show – KAS 2020, l’evento internazionale dedicata al settore aeronautico in programma lo scorso 15 – 18 gennaio.

Ho provato – ha concluso Tofalo -, un forte sentimento di orgoglio, mentre assistevo all’esibizione della nostra Aeronautica Militare che, in un contesto internazionale di altissimo livello, ha dimostrato grandi capacità operative e tecnologiche”.

Per l’occasione, è la prima volta che l’Italia partecipare al KAS, sono stati impiegati gli equipaggi del Centro Sperimentale di Volo – CSV insieme con l’Eurofighter, il caccia di IV generazione UE, e il velivolo da trasporto tattico C-27J Spartan.

Tra l’Aeronautica taliana e la Kuwait Air Force c’è una forte amicizia e una proficua collaborazione per la formazione e l’addestramento dei piloti. Ad oggi, presso la scuola di volo del 61° Stormo a Galatina e del 4° Stormo di Grosseto, sono stati formati 24 piloti e altri 20 sono in Italia per seguire i corsi insieme a 14 controllori di volo e 64 specialisti manutentori.