EURO-ZONE OUTLOOK, PIL: PREVISTA UNA CRESCITA DELLO 0.3%

Nell’area euro prosegue la diversa fase ciclica tra i settori della manifattura e dei servizi: al calo della produzione industriale è corrisposta una maggiore vivacità dei servizi. Tuttavia, negli ultimi mesi, la fiducia delle imprese industriali sembra indicare una fase di sostanziale stazionarietà. In questo quadro, la crescita economica dell’area Euro è prevista mantenersi su ritmi moderati, con un incremento costante del Pil pari allo 0,3% per ciascun trimestre nell’orizzonte di previsione”. A renderlo noto è l’Istituto Nazionale di Statistica – ISTAT, con il consueto aggiornamento sull’economia.

I consumi privati, nel IV trimestre del 19, continuano a sostenere la crescita incentivati dalle condizioni favorevoli del mercato del lavoro, mentre la produzione industriale e gli investimenti rimangono in trend negativo.

In questo contesto, l’inflazione annuale per il 2019 è rimasta bassa, ma ci si aspetta una moderata accelerazione nella prima metà del nuovo anno.

I principali rischi per lo “scenario previsivo” sono legati alle tensioni Stati Uniti – Iran, mentre le preoccupazioni sulla Brexit e sui contrasti commerciali tra Stati Uniti e Cina sono leggermente diminuiti.