EATEO: “MIGLIORARE LA SICUREZZA ATTRAVERSO LA FORMAZIONE”.

Il Direttore Generale dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile – ENAC, Alessio Quaranta, in qualità di Presidente dell’EATEO – European Association of Aviation Training and Educational Organisations l’associazione UE che riunisce le organizzazioni di formazione aeronautica, ha partecipato il 6 novembre al forum internazionale “Migliorare la sicurezza attraverso formazione e istruzione efficaci” ospitato da Eurocontrol a Bruxelles.

L’evento, organizzato da EATEO in cooperazione con l’ufficio regionale per l’Europa e il Nord Atlantico dell’Organizzazione Internazionale dell’aviazione Civile – ICAO EUR/NAT, è stato incentrato sulla necessità di garantire a livello globale la formazione di personale aeronautico, rafforzando la collaborazione e il coordinamento di tutti i protagonisti del sistema aviazione civile.

“Il trasporto aereo è un’industria di enorme rilievo, altamente regolamentata, complessa e poliedrica, con molti attori che operano per raggiungere i massimi livelli di sicurezza ed efficienza. Per questo motivo, più che in qualsiasi altro settore industriale, vi è la necessità di un coordinamento e di una cooperazione che devono agire in più ambiti: nazionale, regionale e interregionale – ha detto, nel suo intervento di apertura, Quaranta -. I vari protagonisti del sistema aviazione, pertanto, hanno ritenuto necessario organizzarsi collettivamente a livello di Autorità dell’Aviazione Civile (ICAO), di fornitori di servizi di navigazione aerea (CANSO – Civil Air Navigation Services Organisation), di compagnie aeree (IATA – International Air Transport Association) e di aeroporti (ACI – Airport Council Intenational). Nello stesso modo EATEO, in qualità di associazione, vuole rappresentare la collettività dei fornitori di istruzione e formazione aeronautica e apportare il proprio contributo al lavoro dei regolatori e dei decisori politici”.

Nel corso del forum è stata anche evidenziata l’esigenza che l’istruzione e la formazione aeronautica supportino strategie di sviluppo di risorse umane altamente qualificate, in grado di operare e gestire il sistema di trasporto aereo attuale e futuro e far fronte all’incremento del traffico, secondo gli standard internazionali.

Il dibattito è stato incentrato sulle soluzioni pratiche di cooperazione, rispetto alle sfide formative connesse alle questioni emergenti poste dai droni, sulla sicurezza informatica, sull’ambiente, sulla gestione di crisi e di eventi di pubblica sicurezza.

In particolare vi è la necessità di rafforzare il coordinamento tra organizzazioni internazionali, industria, centri di addestramento e università, sia a livello regionale, sia sub-regionale. L’aumento della domanda di personale e di formazione, costituisce un fattore essenziale nello sviluppo di un trasporto aereo sicuro, le innovazioni tecnologiche richiedono un costante adattamento dei contenuti e della metodologia della formazione e nello sviluppo di nuove tecnologie e procedure per la formazione, devono essere presi in seria considerazione fattori umani quali stress, condizioni di lavoro di bassa qualità e affaticamento.

Il forum ha visto la partecipazione di delegati di Istituzioni, Enti e operatori del settore tra cui ACI – Airport Council Intenational, AATO – African Aviation Training Organisations, Singapore CAAS, JAA TO – Joint Aviation Authorities – Training Organisation, IFATCA, Qatar Aeronautical College, IATA – International Air Transport Association, EUROCAE, FSF-MED.