ENAC: STOP A BOEING 737 MAX 8 NELLO SPAZIO AEREO ITALIANO

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile ha disposto dalle 21.00 di ieri la chiusura dello spazio aereo italiano a tutti i voli commerciali operati con aeromobili Boeing 737 Max 8. La decisione – ha spiega l’Ente – si è resa necessaria a causa del perdurare della mancanza di informazioni certe in merito alla dinamica dell’incidente di domenica 10 marzo che ha visto coinvolto un velivolo della stessa tipologia in servizio nella flotta Ethiopian Airlines e del precedente incidente di ottobre scorso in Indonesia.
In accordo con quanto in corso in Europa, gli aeromobili di questo modello non possono più operare da e per gli aeroporti nazionali fino a nuove comunicazioni.

L’Ente sottolinea comunque che tutti i velivoli Boeing, e quindi anche i Boeing 737 Max 8, sono certificati dalla FAA – Federal Aviation Administration, Ente americano per l’aviazione civile. Le certificazioni degli aeromobili che operano nelle flotte europee sono convalidate dall’EASA – Agenzia europea per la sicurezza aerea.

In contatto con l’Agenzia europea per la sicurezza aerea, l’Enac continuerà a seguire l’evolversi della situazione. L’Ente, inoltre, invita le compagnie aeree operative da e per gli aeroporti nazionali e che utilizzano tali velivoli, a riprogrammare i voli cercando di ridurre al minimo i disservizi per i passeggeri, fornendo tutte le informazioni necessarie nel rispetto dei regolamenti comunitari di riferimento.