IATA: DIFFUSI DATI SULLA SICUREZZA DEI VOLI NEL 2018

a.m.

I dati diffusi dall’Associazione internazionale del trasporto aereo (IATA) in merito ai livelli di sicurezza per il 2018 testimoniano i continui progressi in quest’ambito compiuti nel lungo termine dalle compagnie di trasporto passeggeri, ma indicano un aumento di incidenti rispetto al 2017.

Il tasso complessivo di incidenti, misurato in incidente per 1 milione di voli, è stato 1,35, che significa un incidente ogni 740.000 voli. Si tratta di un miglioramento rispetto al tasso medio di 1,79 che ha caratterizzato i cinque anni precedenti (2013-2017), ma un peggioramento rispetto alla performance record del 2011, con 1,11.

Il tasso 2018 per quanto riguarda gli incidenti gravi (misurato in perdita dell’aereo per 1 milione di voli) è stato 0,19, che significa un incidente grave ogni 5,4 milioni di voli. Anche in questo caso, si tratta di un miglioramento rispetto al tasso di 0,29 che ha caratterizzato il periodo 2013-2017, ma non tale da raggiungere lo 0,12 registrato nel 2017.
Gli incidenti mortali sono stati 11, con 523 decessi tra passeggeri ed equipaggi. In peggioramento, dunque, rispetto a una media di 8,8 incidenti mortali e 234 decessi in media all’anno nei precedenti cinque anni. Nel 2017 gli incidenti mortali erano stati solo 6, con 19 decessi, che rappresenta in assoluto il record più basso. Nel 2017, però, si era registrato anche un incidente a terra, che aveva provocato la morte di 35 persone.

“Lo scorso anno qualcosa come 4,3 miliardi di passeggeri hanno volato in modo completamente sicuro a bordo di 46,1 milioni di voli – ha sottolineato Alexandre de Juniac, direttore generale e Ceo IATA –. Il 2018 non è stato un anno straordinario come il 2017. Ad ogni modo volare è sicuro e i dati ci dicono che lo diventa sempre di più. Ad esempio, se la sicurezza nel 2018 fosse rimasta agli stessi livelli del 2013, ci sarebbero stati 109 incidenti invece che 62, e 18 con vittime, invece degli 11 effettivamente occorsi. Volare continua ad essere la forma più sicura di viaggio sulle lunghe distanze che il mondo abbia mai avuto. In base ai dati in nostro possesso, in media, un passeggero potrebbe prendere un volo ogni giorno per 241 anni prima di rimanere coinvolto in un incidente che possa causare vittime. Continuiamo dunque a impegnarci per raggiungere l’obiettivo di far decollare e atterrare ogni volo in maniera del tutto sicura”.