LEONARDO, PROFUMO: ABBIAMO MANTENUTO O SUPERATO LE NOSTRE PROMESSE

Negli ultimi due anni abbiamo mantenuto o superato le nostre promesse e siamo ben posizionati per avere successo nel lungo periodo. Abbiamo una visione chiara del nostro percorso strategico: rafforzare e trasformare il business per crescere e accelerare il processo di innovazione per incrementare la competitività nel lungo periodo. Siamo concentrati sull’esecuzione del nostro Piano per la creazione di valore per tutti i nostri stakeholder”. Con queste parole Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo, ha annunciato l’approvazione all’unanimità del progetto di bilancio di esercizio e del bilancio consolidato al 31 dicembre.

Nel 2019 i risultati del Gruppo italiano evidenziano ordini pari a 14.105 milioni di euro, un portafoglio ordini di 36.513 milioni (+1,1% rispetto al 2018) e ricavi per 13.784 milioni di euro (lo scorso anno erano stati 12,2 mld di euro) con un positivo incremento (+12,6%) principalmente riconducibile all’Elettronica per la Difesa e Sicurezza ed all’Aeronautica.

La crescita dei ricavi in tutti i settori di business è stato accompagnata dall’aumento del risultato operativo, in grado di compensare anche il minore apporto delle joint venture strategiche. La sostenibilità di tale incremento nel lungo periodo e la creazione di valore del Gruppo sono garantiti dagli investimenti effettuati in persone, competenze e tecnologie.

Il risultato netto del 2019, in sensibile incremento rispetto all’anno precedente, beneficia della forte crescita del risultato operativo, dei minori oneri di ristrutturazione, della riduzione dell’ammortamento di attività derivanti da Purchase Price Allocation, oltre che degli effetti derivanti dalla transazione con Hitachi, classificati nel risultato delle “Discontinued operations”.

L’indebitamento netto di Gruppo del 19 include l’effetto dell’adozione del principio contabile IFRS 16 sui contratti di leasing per € 451 mil, €458 mil alla data di prima iscrizione, il pagamento dei dividendi, € 81 mil, e l’acquisizione di Vitrociset, € 110 mil inclusivo della posizione finanziaria netta della società acquisita di € 63 mil.