AMI: NUOVI TEST DI SGANCIO DI ARMAMENTO PER GLI F-35A E F-35B

La scorsa settimana il 32° Stormo e il Reparto Sperimentale Volo hanno condotto una missione di sgancio di armamento inerte, presso il Poligono Sperimentale e di Addestramento Interforze di Salto di Quirra – PISQ, con due velivoli F-35A ed un F-35B STOVL.

La missione, svolta nel prosieguo delle attività di addestramento operativo e della continua attività di Operational Test and Evaluation – OT&E dei Sistemi d’Arma di V Generazione, ha consentito di verificare lo sgancio simultaneo di armamento a guida laser da F-35 in configurazione CTOL e STOVL, nonché la prima opportunità per la variante F-35B di praticare il rilascio di armamento GBU-12.

“L’attività è stata condotta durante il rischieramento di una componente del 13° Gruppo Volo del 32° Stormo presso la base di Decimomannu, per verificare per la prima volta le capacità del Sistema d’Arma e del personale di operare in “Split Ops”, ovvero contemporaneamente e a ritmi sostenuti su Main Operating Base e Deployement Operating Base – si legge nella nota diffusa dall’Aeronautica Italiana -. Il successo dell’attività è stato possibile grazie al lavoro di squadra degli uomini e delle donne dei diversi reparti coinvolti e all’attento coordinamento delle operazioni”.

l 32° Stormo, con sede ad Amendola, è uno dei Reparti di volo dell’Aeronautica Militare dipendente dal Comando Squadra Aerea di Roma, per il tramite del Comando Forze da Combattimento di Milano. Primo Reparto in Europa ad operare con il velivolo F-35A che, da marzo 2018 è integrato nel sistema di Difesa Aerea Nazionale, contribuendo alla difesa dei cieli italiani con specifiche capacità operative e tecnologia di ultima generazione.

Dopo il raggiungimento della Initial Operational Capability – IOC nel 2018, dal 2019 partecipa alle Operazioni NATO di Air Policing fuori i confini nazionali.

Da febbraio 2020 il 32° Stormo è l’unico Reparto del panorama internazionale che impiega congiuntamente sia F-35A che F-35B contribuendo, con il velivolo di V Gen., alla capacità Expeditionary della Forza Armata. Inoltre, impiegando i droni MQ-1C e MQ9-A, effettua operazioni di Intelligence Surveillance Target Acquisition Recoinnissance  – ISTAR, sia nazionali che di coalizione.