RAF – LEONARDO: PROGRAMMA UK DI RICERCA ANTI-DRONE

La Royal Air Force – RAF, per supportare la fase successiva del programma di ricerca & sviluppo anti-drone del Ministero della Difesa UK, ha scelto di puntare sull’esperienza di Leonardo con un programma di 3 anni a partire dal prossimo 2020.

Lo studio analizzerà la minaccia attuale rappresentata da droni ostili e le possibili future evoluzioni e fornirà una valutazione di una vasta gamma di tecnologie in grado di costituire una completa capacità anti-drone a disposizione della RAF.

“Negli ultimi mesi la minaccia di droni ostili è diventata un tema prioritario, collegata all’aumento di velivoli piccoli, economici e facilmente reperibili sul mercato. L’elemento più preoccupante è rappresentato dal fatto che le tecnologie unmanned si stanno evolvendo rapidamente, costituendo una sfida per le organizzazioni che devono proteggersi dall’uso improprio di tali velivoli – si legge nella nota diffusa dall’Ex Finmeccanica -. Il programma di ricerca della RAF illustrerà il modo in cui la Forza Aerea britannica risponderà a questo pericolo e sarà in grado di mantenere il passo con la tecnologia, analizzando come gli operatori saranno in grado di rilevare, tracciare, identificare e neutralizzare i droni ostili”. 

L’Azienda italiana è stata scelta come partner nel programma per la sua esperienza in questo settore. Nel 2018 e nel 2019, in seguito agli avvistamenti di droni negli aeroporti di Gatwick e Heathrow, la RAF ha dispiegato sistemi anti-drone Leonardo per consentire il ripristino delle operazioni aeroportuali.

La società, come più volte raccontato da Spazio-News Magazine, offre i suoi sistemi modulari e scalabili a clienti militari e civili nel Regno Unito e a diversi clienti internazionali; anche l’Esercito e l’Aeronautica militare italiani hanno acquistato equipaggiamenti anti-dronemade in Italy”.

Il programma di ricerca della RAF si baserà su questo know-how e su studi e attività svolti in precedenza.

Nel lungo periodo, il programma di ricerca & sviluppo aiuterà a comprendere e delineare i requisiti per lo sviluppo di una completa capacità anti-drone a disposizione della RAF per la protezione delle proprie basi operative.