T-WING: NUOVO PASSO IN AVANTI PER IL PROGETTO TILROTOR

Nelle scorse settimana la Divisione elicotteri di Leonardo e il consorzio T-WING, composto dal Centro Italiano Ricerche Aerospaziali – Cira, Magnaghi Aeronautica, Officine Meccaniche Irpine – OMI, Salver, Società di ingegneria SSM, Università di Napoli Federico II e dalla tedesca IBK Innovation, si sono riuniti per affrontare la Critical Design Review dell’ala e delle superfici mobili del dimostratore tecnologico denominato Next Generation Civil Tilt-Rotor TD – NGCTR-TD nell’ambito del framework Clean Sky 2.

Dopo un anno di lavoro e di preparazione, durante il quale si sono dovute superare anche tutte le difficoltà connesse all’emergenza COVID-19, 70 ingegneri di T-WING e Leonardo Helicopters, in rappresentanza dell’intero gruppo di lavoro composto da centinaia di tecnici, ricercatori e manager, hanno esaminato e discusso tutti gli aspetti tecnici, giudicando idoneo il livello di maturità raggiunto dalla progettazione dell’ala e delle superfici mobili. Si è dato così il via alle successive fasi del programma.

“Progettazione, analisi strutturale, aero-elasticità, sensoristica e scalabilità delle tecnologie per la futura famiglia di tiltrotors, diversi pesi al decollo e differenti profili di missione, sono le tante tematiche affrontate dal consorzio T-WING che ha anche presentato alcuni risultati concreti delle attività svolte nell’ambito del programma: i tool ibridi in composito-INVAR per la realizzazione dell’ala e delle superfici mobili e l’interno pannello superiore dell’ala che integra il longherone posteriore curvo della lunghezza di 7 metri – si legge nella nota diffusa dal Cira -. A valle della CDR, l’attività del Consorzio si focalizzerà ora sul completamento della fase di progettazione delle parti secondarie, la realizzazione delle parti ed il supporto a Leonardo Helicopters per il conseguimento del permesso di volo del dimostratore NGCTR-TD”.