VIA AL NUOVO VOLO DIRETTO ROMA-ANKARA

Turkish Airlines, ha celebrato presso l’Aeroporto Leonardo da Vinci di Roma Fiumicino l’avvio del nuovo collegamento diretto Roma-Ankara che avrà frequenza due volte a settimana, lunedì e giovedì, e segna il ritorno della rotta dopo una pausa di 60 anni. Dall’Aeroporto Fiumicino, la compagnia di bandiera turca offre ora due collegamenti diretti verso Istanbul e Ankara.

La nuova rotta per la capitale della Turchia, importante centro commerciale ed economico, contribuirà a intensificare i viaggi d’affari oltre a offrire ai passeggeri italiani una nuova destinazione culturale da scoprire, porta d’accesso alla celebre area della Cappadocia, il cui Parco nazionale di Göreme con i famosi Camini delle Fate è uno dei siti UNESCO turchi.

“Siamo lieti di celebrare la ripresa del collegamento diretto tra Roma e Ankara, una rotta che contribuirà a incrementare i flussi d’affari e turistici fra i due Paesi. Il ritorno di questa tratta coincide inoltre con i 60 anni di operatività di Turkish Airlines in Italia, avviate nel 1959 – ha dichiarato Ömer Faruk Sönmez, Vice President, Sales (Sud Europa) di Turkish Airlines durante la cerimonia di apertura del nuovo collegamento –. Siamo orgogliosi di essere qui presenti a testimoniare l’impegno della compagnia aerea in Italia, dalla quale ora offriamo oltre 130 voli a settimana da un totale di 8 aeroporti italiani”.

“Siamo onorati di essere al fianco di Turkish Airlines in un giorno così importante – ha aggiunto Fausto Palombelli, Chief Commercial Officer di Aeroporti di Roma – . L’avvio del volo per Ankara è motivo di grande soddisfazione perché consente di aggiungere una nuova destinazione al già ricco network di Roma, permettendo di collegare direttamente due Capitali di rilevante valenza storica e socio-politica. Siamo fiduciosi che questa nuova rotta possa facilitare lo scambio economico e culturale verso un mercato strategico come la Turchia che nel 2018 ha superato i 600 mila passeggeri trasportati con un aumento del +9% verso l’anno precedente”.